Documentazione2

Documenti Istituzionali

Ogni organizzazione ha le sue carte fondamentali. Quelle che la caratterizzano. Quelle che ne determinano l’identità.
Anche noi abbiamo le nostre. Sono quelle carte nelle quali ci riconosciamo e che ci caratterizzano. Conoscerle è un passo fondamentale del percorso per conoscerci. Ve le proponiamo qui. Le prime tra esse. Ma questo è anche un modo per noi per capire quanto ancora dobbiamo lavorare sulla nostra identità; per costruire altri materiali che ci aiutino a definire un’anima che finora abbiamo lasciato un po’ indefinita, volutamente flebile.
Statuto. Si tratta del documento fondamentale che caratterizza qualunque figura giuridica. Ce lo impone la legge, ma è anche la fotografia di come siamo fatti e di come funzioniamo. Se sei un nostro socio, leggilo con attenzione. Se sei un esterno interessato a ciò che facciamo, magari leggilo con attenzione anche tu.
Carta della Qualità. Il documento fondamentale che descrive quale sia la nostra Politica per la Qualità. Una cosa importante. Importante perché racconta cosa intendiamo quando vogliamo fare le cose per bene. Come è fatto il nostro “per bene”. Leggilo, perché così se vedi che nelle azioni non siamo coerenti, ce lo fai osservare e cerchiamo di capire come migliorare.
Carta dei Diritti dell’Uomo. Il nostro lavoro è quello di occuparsi delle persone. Quindi questa carta è un punto di partenza imprescindibile del nostro lavoro, ma soprattutto della nostra visione valoriale.
Legge 381/1991. Beh… la legge costitutiva della cooperativa sociale. Quella che da un senso alla nostra organizzazione. Quella – soprattutto – che ne descrive la missione e che spiega perché essa sia tanto cara allo Stato. Quella che dice che noi siamo un pezzo delle politiche pubbliche.
Costituzione Italiana. Non c’è molto da spiegare qui. E’ chiaramente un punto di riferimento del nostro essere cittadini. E la nostra cooperativa si occupa di cittadinanza in quanto si occupa di inclusione sociale. Serve spiegare altro?
Carta dei diritti dell’Infanzia. Una parte non piccola del nostro lavoro è rivolto all’infanzia e all’adolescenza. I bambini e gli adolescenti sono delicati e preziosi e vanno trattati con cura e rispetto. Non siamo certo noi i primi a dirlo, ma è quello che cerchiamo di fare.
Cerca